A proposito di vegani…

0 Flares 0 Flares ×
A proposito di vegani_ilsuperfluo

Ph. credit @Mantrarawvegan

Nuovo anno. Buoni propositi. Oppure cattivi. Tipo quello di non riuscire proprio a smettere di dire la propria. Cioè: la mia.

A sto giro tocca agli onnivori. Quelli fanatici. Presuntuosi. Quelli che il fatto che loro mangino stinchi di porco, code di rospo e gorgonzola anche a colazione non riescono proprio a non ostentarlo. Quelli che i vegetariani sono tristi. Quelli che mangio giusto solo io e che sfigati i bambini di oggi che avranno la nonna vegana. Quelli che loro te lo devono dire, scrivere, dimostrare che ingoiano proprio di tutto, pur di etichettare le scelte diverse dalle loro come terribili minchiate, frutto di fanatismo abietto.

Ora, io dico: posto il fatto che personalmente mi abbuffo di bresaola, mi obbligo a ingurgitare il pollo (che ha poche calorie) e adoro il salame. Ammesso che un bel filetto argentino ogni tanto mi da gusto come a Gasparri sparare cazzate e pure che nel momento in cui me lo pappo non ci penso proprio alla mucca sacrificata per la mia cena, né alla mia lesa salute. Bene, ammesso tutto ciò: ma perché tanto accanimento su chi il filetto argentino ha scelto di non mangiarlo?

Che poi: ma tutti questi che i nipoti dei vegani son sfigati perché non mangeranno il cotechino a capodanno o le polpette di nonna, un piatto vegano lo hanno mai assaggiato? No perché, ahimè, ho come il presentimento che tutti questi paladini dell’umorismo a buon mercato su facili pregiudizi non lo abbiano mai fatto. Che nel caso contrario, il loro punto di vista mi infastidirebbe decisamente meno.

E questa non vuole essere la difesa di nessun regime alimentare, che per me l’equilibrio sta nel mezzo come dicevano i latini. Ma la domanda vera che vorrei fare a tutti questi presuntuosi detrattori è: se i nipoti dei vegani son sfigati che si perdono gioie culinarie impareggiabili, non è che quegli altri ch’avranno, quanto meno, il colesterolo alto?

Saluti. O meglio: salumi a tutti. E buon appetito.

admin

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *