Auguri Mafalda: ma la festa la facciamo a Barbie

0 Flares 0 Flares ×

Mafalda_Barbie_il superfluoA proposito di Mafalda, che compie 50 anni, mi è venuta in mente Barbie: l’ ho sempre detestata. E sempre adorato Mafalda. Non so dire se perché fin da poppante l’impertinente settenne mi rispecchiasse decisamente più della prima, a partire dal crespo gonfiore del suo caschetto. Ma tant’é.

Forse ho sempre avuto semplicemente buon gusto. Perché diciamocelo, Barbie oltre a essere zarra è anche un po’ troia. Ma vi pare che le nostre creature debbano giocare con miniature di donne mal truccate, con gambe snodabili, capelli color platino e minigonne obrobriose?! Tenutarici di kitchissime ville col tetto rosa e guardaroba che Julia Roberts ai tempi del meretricio di Pretty Woman era raffinata. Nonché orgogliose fidanzate di pettoruti individui che a dirla tutta non credo siano nemmeno i più forniti della virtù meno apparente, per dirla con De Andrè (ce l’hanno piccolo, per dirla con me).

Così, quando penso che mi piacerebbe tanto avere una bambina, penso anche che poi mi toccherebbe comprarle la Barbie. Con tutti i suoi equivoci accessori. Soffro. E spero di avere un maschio.

Sì, perché le bimbe le infarciscono di modelli estetici agghiaccianti: se non sei bionda, magra e il tuo manzo non ha gli addominali, conti quanto una carota da sbucciare. Mai una volta che a qualcuno venisse in mente di propinare che ne so, una Mafalda: grassoccia, simpatica e intelligente. Certamente raffinata.

Perché se avessi una figlia, io glielo potrei garantire: alla lunga becca molto di più Mafalda col suo caschetto crespo di quella pissera di Barbie col biondo platino fino alle natiche.

Nessuna paternale sull’importanza della bellezza interiore, credetemi: son convinta che in questo mondo sia molto meglio essere belli e ricchi piuttosto che brutti e poveri. E la bellezza interiore è così complessa da mostrare che sarà pure importante, ma è preferibile accompagnarla ad un bel sorriso e un generoso e sodo paio di tette.

Tuttavia continuo a pensare con immenso affetto a Mafalda. E con antipatia furente a Barbie.

Questa non è la rivincita delle brutte. E nemmeno delle more. Semplicemente ho imparato che per essere una figa non è necessario essere bella. E nella vita è molto meglio essere figa.

Auguri Mafalda.
Mafalda_compleanno_50 anni_ il superfluo

admin

4 Comments

  1. Meno male che qualcuno l’ha detto!!! Lo pensavo da sempre ma nn avevo il coraggio hahaha

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *