Care ex: ve lo scrivo col cu(ore)

0 Flares 0 Flares ×

ex_fidanzata_disperata_IlsuperfluoCare ex fidanzate, mogli, amanti, trombamiche sfruttate, scacciapensieri che vi ostinate a mandare messaggi a mezzo social nemmeno troppo subliminali a chi vi ha mollate: non fate più ridere.

Passi un primo periodo di lutto concesso nel quale rimettete in discussione voi stesse, lui, , il gatto, la vostra storia, il mondo. In cui ripensate che sì, se gli aveste rotto meno i coglioni, se lo aveste ascoltato di più, se non aveste quotidianamente condannato quel suo uso (barbaro, ve lo concedo) di scordare la tavoletta del cesso alzata con un disappunto ai limiti dell’isteria omicida, sì forse sarebbe ancora con voi. Cazzate. Ma continuate a pensarlo, supporlo, sperarlo.

Cullatevici la sera quando, prima di dormire, inviate WathsApp disperati alle vostre amiche disperate nei quali vi condannate per gli eccessi di zelo coi quali lo avete costantemente rimproverato senza pietà alcuna per aver sbagliato a riporre una tazzina, in attesa di assoluzione (delle amiche disperate, dico). Imbottitevi di cioccolato, caramelle e Stillnox. Ubriacatevi.

Tormentatevi la mattina appena sveglie odiandolo perché lui sì, certamente si è rifatto una vita. E ora è felice. E non come voi, novelle Bridget Johns sfondate di cioccolato, occhiaie e rimpianti che state lì in pijiama di flanella a frignare sul cappuccino versato.

Ma vi prego, per amore vostro e dell’universo tutto: smettetela di ammorbare i social network con messaggi tormentati corredati da improbabili canzoni al miele. Piantatela, vi scongiuro, di supporre che esista un filo invisibile che tiene insieme due persone. Perché il filo è invisibile, appunto.

Risparmiateci invettive impersonali che prendono a prestito citazioni altrui su quanto chi non vi ami non vi meriti. La vità è una puttana. Si sa. E il fatto che non vi meriti è plausibile ma, appunto per questo, dovrebbe incoraggiarvi nella vostra corsa a perdifiato verso l’oblio.

Continuate a tormentarvi. Mi raccomando: fatelo. Potrebbe anche giovare.

Ma i social network lasciateli stare. Usateli a scopo ludico. Si sa mai che magari una vita ve la rifate anche voi e la smettete di ascoltare Gigi D’Alessio. Che ne dite?

W l’amore.

admin

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *