Donne: arriva l’inverno, tagliatevi i baffi (ve ne prego)

0 Flares 0 Flares ×

Donne_baffi_ilsuperfluoArriva l’inverno. E con lui, si sa, gli sbattimenti più neri assumono toni ancora più scuri. Ecco qualche esempio. Ti lavi i capelli? Li devi asciugare (pena: torcicollo, mal di gola, mal di testa, polmonite). Lo smalto sui piedi? Col cavolo che vai dalla cinese di fiducia a farti imbrattare le unghie coi sandali, no: scarpe chiuse e bisacce di pazienza in attesa che la tintura secchi per benino (pena: pedicure rovinata o improperi intimidatori della cinese di fiducia, che a seccarsi è stata lei più che lo smalto). E poi i peli. Tema già affrontato svariate volte su questo blog e con variopinte sfumature, lo so. Ma tant’è, sono per me fonte d’ispirazione perpetua.

Il sole li schiarisce. Tendenzialmente. Ma non quello pallido invernale. Certamente non quello meneghino, albino. E qui vi voglio. Sappiate, ricordate, fate dei nodi ai fazzoletti se li usate: a meno che non siate bionde platino naturali, ogni singolo peletto sul vostro viso pallido sarà una trave negli occhi di un qualsiasi osservatore, nemmeno troppo attento. Ragion per cui, vi imploro: una peluria vistosa in piena faccia, val benissimo una ceretta in più.

I baffi sono belli sugli uomini. E nemmeno su tutti. E i detti incomprensibili tipo che la “donna baffuta è sempre piaciuta”, li lasciamo a quelle convinte che “l’uomo ha da puzzà”. Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo. Lo diceva anche Gandhi.

admin

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *