La Mala EducaXXXion (e non c’entra Almodovar)

0 Flares 0 Flares ×

La_Mala_Educaxxxion_la7_ il superfluoMartedì sera su un divano per due: un libro e le solite amare considerazioni da utente medio: “800 canali e su Sky mai niente”. E da utente più evoluto: “amore ‘stà apple tv che mi hai regalato a Natale è come la corazzata potëmkin…”.

Mi arrendo volentieri al libro, mentre l’altra ripiega sul vintage con una primissima serie di Sex and the city su La7.

Finché le nostre orecchie vengono colpite da voci stridule: le cotonature 90′s di Carrie & friends hanno lasciato spazio ad un insieme di squinzie di italica stirpe, che affronta argomenti – pare- interessantissimi.

E’ la Mala Educaxxxion.

La prima cosa che colpisce sono trucco e capelli. La conduttrice, di cui ignoro il nome, è una versione emo della Bignardi (ma tant’è, siamo sempre a casa Cairo): stesso look ma con occhi pesantemente bistrati di nero. Le altre sfoggiano colori inesistenti in natura e tagli a metà tra Valentina Crepax e Piperita Patty.

Il logo Mala Educaxxxion ci confonde: le 3X lasciano presagire temi hot, ma il font ricorda più qualcosa a metà tra l’insegna al neon del Plastic ed Hello Kitty.

Giungono all’orecchio parole di spessore come “pecorina”, “ascelle“, “puzza“.

A quel punto siamo rapiti, capiamo che il programma tratta di sesso e, nello specifico, la puntata è dedicata ai 5 sensi.

Elvira, un’attempata signora ossigenata, sovrappeso e molto truccata è l’esperta in studio: ci spiega che per troppo tempo le donne si sono basate solo sulla vista, mentre quello che conta è la puzza del tuo partner.

C’è una Debbie che non vuole vedere mentre fa sesso ma le piace essere guardata. Alessandra ha rinunciato spesso agli uomini che non avevano un bel sedere, Beatrice vuole i testicoli depilati e Sonia ha quasi mangiato la lingua dell’amato.

Tuìtto la mia considerazione: cioè che il programma, in questo momento di quote rosa, sia un filo degradante per la donna. Subito mi risponde @sexability domandandomi il perché. Non raccolgo la sfida.

Ora: sarà l’antico detto che “chi sa fa e chi non sa insegna”, ma secondo me un gruppo di fanciulle “wannabecarriebradshaw” che si riunisce in tv e discute di ciò di cui dovrebbe parlare col proprio amante, o col proprio analista, puzza tanto di sindrome ittiopriva (chi ha fatto il classico e ricorda il greco ci può arrivare: ittio sta per pesce e priva sta per senza).

Quella che parla meno per dire poche cose, ma buone, è una biondina spettinata che si è portata anche il fidanzato Fabiano, ovvero la versione 4D di Balotelli: più nero, più alto, più grosso, più capelli e più denti. E quando la conduttrice le chiede quale sia la parte del corpo di Fabiano che preferisce, risponde con un sano sorriso: “Oh! E secondo te??”.

M.P.

 

admin

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *