La legge 40 finisce nel cesso. Insieme a Ruini e Bagnasco…

0 Flares 0 Flares ×

Berretti_cardinali_il superfluoIeri, durante una profumata giornata di sole primaverile, un’altra parte della mefitica legge 40 è stata buttata nel cesso dalla Corte Costituzionale. Più precisamente quella che vietava alle coppie sterili di procreare grazie alla donazione di gameti altrui.

L’eco dei mugugni indignati di Binetti e Giovanardi (Giovanardi!), ha accompagnato i lamenti inferociti di Famiglia Cristiana sulla nuova “fecondazione selvaggia”.

E mentre io mi crogiolo nel godimento per il traguardo raggiunto grazie alla bella Filomena Gallo, dunque all’ Associazione Luca Coscioni, voglio immaginare Ruini e Bagnasco, accaniti sostenitori dell’astensionismo quando nel 2005 i radicali promossero il referendum per l’abolizione della medioevale (per essere buoni) legge in questione, fulminati da una rabbia poco cristiana e molto dissenterica che li costringe al cesso. Lo stesso in cui è stato gettato il divieto di eterologa. Sì, mi piace pensarli così: insieme, arrabbiati, sconfortati e disidratati. Mentre si tengono la mano.

admin

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *