Francesca Pascale, da Telecafone a Palazzo Grazioli

0 Flares 0 Flares ×

francesca-pasc…lazzo-grazioliTutte le donne del Presidente. Centotrentuno secondo i calcoli del settimanale Oggi. Anche se, delle tante, l’unica rimasta è Francesca Pascale. La Cenerentola post-moderna che da Fuorigrotta ha spostato la residenza a Palazzo Grazioli in tempo record. Ora è la nuova fidanzata di Silvio Berlusconi. Quella ufficiale.

La sua ascesa è stata così fulminea da incuriosire Mariagiovanna Capone e il collega giornalista Nico Pirozzi che hanno deciso di scriverci un libro: Francesca e il Cavaliere- la singolare storia della fidanzata di Silvio Berlusconi (edizioni Cento autori). “Non è gossip- ci tiene a puntualizzare l’autrice- ma un dettagliato e imparziale articolo giornalistico di 100 pagine che racconta chi è Francesca Pascale, il suo passato, prima che giornali come Chi arrivino a edulcorarlo”.

In effetti le tracce potrebbero perdersi facilmente ora che Francesca è stata tirata a lucido. In versione first Lady, inevitabilmente cafonal ma ripulita, si aggira con portamento altezzoso in favor di macchina fotografica che puntualmente la paparazza con parentame al seguito, novella Jaqueline Kennedy denoaltri, fra piazza di Spagna e via del Babuino. Tutta bon ton, lunghezza dell’abitino turchese, borsetta in tinta e anello di fidanzamento, sfoggiato non senza malcelata ostentazione, compresi.

Lontani i tempi del calippo, in cui affiancava il verace cabarettista partenopeo, Oscar Di Maio, sulle note di canzoncine dai testi equivoci (ma neanche troppo) per Telecafone, la ragazza sfila ormai tronfia accanto al potentissimo fidanzato. Un quarto di secolo di distanza fra i due non sembra essere un ostacolo per la coppia che appare pubblicamente radiosa. Dal ristorante alla tribuna di S.Siro (con un attiguo Galliani dall’aria perplessa).

Ecco cosa mi ha raccontato l’autrice del libro. Che su Francesca si è fatta una cultura.

E’ vero che le date riportate dalla Pascale non coincidono con quelle reali? Quando si sono conosciuti, dunque?

“Non possiamo definire esattamente quando si siano conosciuti davvero. La cosa particolare è che all’improvviso, verso novembre, le didascalie delle foto sui giornali cambiano e lei diventa la sua presunta fidanzata. Anche se, guardando gli archivi fotografici, appare al suo fianco da tempo. Ma sempre in compagnia di altra gente. Dunque qualcuno decide che a un certo punto la coppia deve palesarsi in quanto tale”.

E perché?

“La rivelazione coincide con il momento in cui Silvio Berlusconi ritorna a prendere in mano le redini del partito…”.

Una scelta di immagine, dunque? 

“Francesca è sempre stata una persona piuttosto narcisista. Ha sempre amato farsi intervistare dalla stampa locale, dunque a me e al mio collega è venuto spontaneo scriverci un libro. Sono anni che la seguo, mi intrigava molto questa ragazzetta che all’improvviso dal comitato Silvio ci manchi, in soli tre anni, diventa consigliere della provincia di Napoli. E ci è mancato poco che diventasse Assessore. Giornalisticamente parlando è un personaggio molto appetibile, anche per il suo passato un po’ trash”.

Non è l’unica napoletana ad avere avuto a che fare con Berlusconi?

No, a partire da Noemi Letizia. E qualcuno dovrebbe chiedersi perché ci sono così tante napoletane, o ragazze che frequentano gli ambienti napoletani. Non noi giornalisti, dovrebbe chiederselo qualcun altro. Così come ci sono state tante pugliesi, qualcuno se n’è accorto e ha iniziato a indagare”.

La Pascale di fatto ha primeggiato sulle altre. Come?

“Ha sempre fatto parte dell’entourage. Ai tempi del Ruby-gate, era già consigliere provinciale, quando le venne chiesto qualcosa a riguardo difese la versione delle cene eleganti. A spada tratta. Le altre le conosce e le ha mese alla porta”.

Quindi che fine hanno fatto le olgettine? 

“Il 15 luglio, giorno del compleanno di Francesca, lei organizza una cena a Palazzo Grazioli, dove ormai vive. Si presentano Barbara Guerra e Iris Berardi per partecipare alla festa. Ma la Pascale non le ha invitate. Si arrabbiano e fanno una caciara assurda davanti al Palazzo, davanti ai carabinieri che piantonano il cancello. Al punto che deve intervenire la “tuttofare” di Berlusconi, Maria Rosaria Rossi. Da allora in poi queste ragazze non si fanno più avanti, è il momento in cui il passato olgettine non metterà più piede all’interno di quell’edificio”.

L’impressione è che lei sia davvero presa da Berlusconi…

“Sì, fin da ragazzina, quando faceva la ballerina a Telecafone. Più persone che hanno avuto a che fare con lei in quel periodo mi hanno detto che era ossessionata da lui, per lei era dio, l’obiettivo della vita. Era veramente coinvolta. E aveva solo 17 anni”.

E’ pensabile che facciano un figlio?

Sgarbi alla Zanzara affermò la finzione del fidanzamento, però molto funzionale alle elezioni. Con l’arrivo di un figlio, sempre secondo Sgarbi, B. si sarebbe garantito la vittoria elettorale per almeno un decennio. Io concordo. Soprattutto dopo aver visto il trionfo elettorale del partito, più che mai al sud”.

A questo punto pensiamo a lei come la sua spin-doctor?

“Certamente insieme a quello che nel libro definisco il Cerchio magico delle delle donne, ossia l’entourage in rosa con cui B. si confronta, ha favorito il cambiamento di Berlusconi come immagine e come modo di rapportarsi con i media: molto più morbido, spiritoso. Ci sono due gruppi con cui lui si confronta: uno appartiene al passato e sta diventando sempre più striminzito, l’unico che regge è Bonaiuti. E poi il gruppo delle donne dove la Belfiore lo fa fotografare con il suo cucciolo di carlino, ad esempio. La Santanchè, Maria Rosaria Rossi, ovviamente Francesca Pascale e Alessandra Ghisleri che è la sondaggista, senza la quale non fa nulla”.

Ma in che rapporti sono i figli di Berlusconi con Francesca?

“Con Marina pare ci siano buoni rapporti: non ha mai apprezzato le feste del padre e il fatto che Francesca abbia finalmente messo alla porta un buon 80% delle sue frequentazioni certamente gliela fa apprezzare. I figli di secondo letto non hanno rapporti. Barbara ha solo un anno in più di Francesca Pascale e stando allo stile di vita e all’educazione ricevuta, posso immaginare che con lei non abbia nulla a che vedere”.

Il libro come sta andando?

“Stanno provando a boicottarlo: incontriamo grande difficoltà per presentarlo a Milano. Anche le librerie più rosse ci hanno detto no”.

Seguimi anche su Facebook e Twitter!

 

 

admin

4 Comments

  1. Pingback: Bestie da gossip
  2. Pingback: Caro Babbo Natale

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *